mercoledì 20 aprile 2011

Torta Peonia Rosa


Una torta che sembra la corolla di un pallido fiore, ma che al taglio rivela una farcitura di un rosa intenso: densa crema di ricotta e fragole. Questa ricetta viene dal mio repertorio personale ed in effetti lo considero un mio “piccolo classico”. Per chi mi conosce ... è inconfondibile! ve la propongo come dessert per il pranzo pasquale delle peonie.

Pasta frolla* circa g 500, ricotta freschissima (io la preferisco di pecora) g 500, fragole g 500, zucchero semolato g 200, zucchero a velo qb, fecola g 40, mandorle spellate g 50

Lavate e tagliate le fragole. Versatele in una pentola con lo zucchero semolato e ponete sul fuoco a cuocere. Quando le fragole sono cotte e lo zucchero ha formato uno sciroppo succoso, spegnete la fiamma.

Intanto con circa metà della pasta foderate una teglia da torta, che avrete rivestito di carta da forno per impedire che si attacchi. Una teglia ad anello di 25 cm di diametro andrà benissimo.

Separate le fragole dal loro sciroppo e frullate lo sciroppo con le mandorle. Unite alla ricotta e mescolate bene, aggiungendo anche la fecola. Versate 2/3 della crema ottenuta nel guscio di pasta e distribuitevi sopra le fragole. Coprite poi delicatamente le fragole con la crema rimasta.

Per completare la torta con il suo disegno classico si devono tirare (col matterello) dei pezzi sottili e irregolari di pasta frolla, che andranno poi disposti in modo da formare i giri di petali della corolla di un fiore, partendo dal bordo della torta e procedendo verso l’interno.

Spolverare leggermente di zucchero a velo e infornare a 170° per un’ora circa. La temperatura è bassa perché la torta dovrebbe cuocere senza colorarsi, ma restando bianca.

*per la pasta frolla vi darò prossimamente una ricetta che potete usare per tante cose. Non la scrivo subito per non rendere troppo lungo questo testo.

2 commenti:

  1. onnivora ma piddicchiusa20 aprile 2011 18:03

    ma come un classico??? io non l'ho mai mangiata!!
    e se l'ho mangiata me ne son scordata e allora... occorre rinverdire il ricordo eh!!!
    ^_^_^_^_^

    RispondiElimina